Torna alla Home Page

BIOTOPI
E GEOSITI

FLORA
E FAUNA

MINERALI
E FOSSILI

MUSEI E
SENTIERI NATURA

EDUCAZIONE
AMBIENTALE

MANIFESTAZIONI
ED EVENTI

fotomenu
I BIOTOPI Definizione
GLI ECOSISTEMI Definizione
Corsi d'acqua e laghetti
» Stagni e laghetti
» Torrenti collinari
» Fiumi di fondovalle
Zone rupestri e calanchi
» Pareti rocciose
» Prati aridi e calanchi
Boschi e arbusteti
» Boschi
» Arbusteti
I GEOSITI Definizione
FORMAZIONI GEOLOGICHE Definizione
» Sabbie gialle
» Argille
» Le calcareniti plioceniche
» Gessoso-solfifera
» Conglomerati
» Marnoso-arenacea
Home > Gli Ecosistemi > Zone rupestri e calanchi > Pareti rocciose

Rio Cozzi Foto flora Flora Foto flora Fauna

La più tipica formazione geologica delle colline forlivesi è senza dubbio “la catena dello spungone”; essa è una dorsale di picchi e dirupi che interessa il territorio da Castrocaro a Bertinoro. Notevole è la presenza di fossili che testimoniano la sua genesi marina; queste rocce ospitano oggi piante dai costumi termofili e offrono postazioni e nidi a numerosi uccelli. Diversamente da ciò che avviene per le altre formazioni geologiche del forlivese che non sono esclusive di questa zona, ma si rinvengono in molte altre aree della Romagna (es. la Marnoso-Arenacea, i Conglomerati, la Gessoso-solfifera, le Argille Plioceniche e le Sabbie gialle), lo Spungone è una calcarenite di origine sedimentaria che non trova riscontro in altre aree della nostra regione.

Esempi di Ecosistemi:
» Pareti di Spungone a Monte Palareto di Meldola
» Bancata di Arenaria (mollassa) a Valdinoce di Meldola