1) Catena dello spungone tra il torrente Samoggia e Rio Cozzi

Catena dello spungone tra il torrente Samoggia e Rio Cozzi

Area naturale di grande estensione ricomprende gran parte degli affioramenti di Spungone della provincia di Forlì-Cesena (zona in destra Samoggia, zona Pavarona, rupi di Bagnolo, rupi dei Cozzi). Notevole la presenza di specie floristiche legate ai substrati rocciosi (Cappero, Borracina, Semprevivo dei tetti, Cedracca, Capelvenere), di essenze dei prati aridi e assolati (Anemone fior stella, Asparago pungente, Gladiolo dei campi) e di orchidee spontanee tra cui Orchis tridentata, Orchis simia, Orchis purpurea, Orchis morio, Orchis fragrans, Anacamptis pyramidalis, Gymnadenia conopsea.
Nel torrente Samoggia si rinviene il localizzato Granchio di fiume, specie protetta dalla legge regionale n° 29 del 1993. Nei prati e nelle aree calanchive non è raro scorgere l’Albanella minore a caccia di piccoli mammiferi, di Starne e Quaglie; il Capriolo e le Lepri sono selvatici decisamente abbondanti e di facile osservazione, così come frequente è il ritrovamento di aculei di Istrice, segno inequivocabile della sua stabile presenza (i principali sistemi di tane sono a ridosso della catena di spungone, tra questa e il sottostante substrato argilloso facilmente scavabile).